Il successo di una azienda passa anche attraverso il lavoro di squadra. La sinergia di un team può migliorare l’efficienza dell’intera organizzazione, esaltando il valore del singolo. Dunque, l’unione fa la forza e il lavoro di squadra porta sempre a grandi risultati.

Il progetto Amici Unicusano ha creato una rete fra le tante aziende e famiglie italiane che, nonostante anni difficili per l’economia, hanno resistito e continuato la loro attività, non senza sacrificio.

Di questa rete fa parte l’Angolo dei fiori, realtà romana (in via di Torrevecchia), che fa consegne in tutto il mondo.  La titolare Paola Sardone ha saputo trasformare la propria passione in un lavoro.

Intervista a  Paola Sardone: l’importanza del lavoro di squadra, anche con il cliente.

Paola, il lavoro del fioraio è sempre un po’ particolare. I clienti entrano in un mondo di colori e profumi straordinari. Come nasce l’Angolo dei fiori?

«Da sempre, ho avuto questa passione per i fiori. Non appena mi si è presentata l’occasione di decidere quale strada dovesse prendere la mia vita, ho optato per i fiori. Ho fatto dei corsi con grandi maestri fioristi perché credo che, qualsiasi attività si faccia, sia sempre importante non improvvisare».

Che cosa significa questo per un fioraio?

«È importante conoscere il mondo dei fiori e delle piante. Nel nostro campo, professionalità significa saper dare il nome ai fiori che si stanno proponendo. Ovviamente, quando si riescono a dare i nomi alle piante, i clienti tornano volentieri perché ricevano delle informazioni nuove».

Tra i fiorai e i clienti si instaura un dialogo, spesso quasi un’amicizia.

«Sono sempre molto propensa a spiegare bene quali sono le regole per mandare avanti una pianta. E vedo che i clienti tornano sempre soddisfatti da me. Io dico sempre che da me ci si capita per caso e si torna per scelta».

L’Angolo dei fiori ha una storia e una clientela particolare. Fate anche consegne nazionali e internazionali. Che tipologia di clienti avete?

«Sul nostro sito www.angolodeifiori. it è possibile conoscere tutta la nostra offerta. Tra i nostri clienti ci sono ambasciatori, principesse, attrici come Edwige Fenech e cantanti come Julio Iglesias, che ci ha chiesto di consegnare un cuore di rose per la morte di Lucio Dalla».

Aderire al progetto Amici Unicusano significa entrare in contatto con l’Università Niccolò Cusano e altre imprese che magari si occupano di tutt’altro. Che cosa significa fare squadra?

«Ho aderito perché ho conosciuto l’Università Niccolò Cusano e mi sono innamorata di questa grande famiglia.

Il detto “l’unione fa la forza” non è casuale: essere in molti significa essere una grande squadra».

Il lavoro di squadra prevede apertura, collaborazione, grande entusiasmo e soprattutto diversità, intesa come ricchezza, da cui nasce sviluppo.

© COPYRIGHT UNIVERSITÀ NICCOLÒ CUSANO